Cronache Videoludiche · Real Life

Pappedda non è un’egua.

Ogni volta che ritorna Wani è difficile tornare alla vita di tutti i giorni, questa volta sono riuscita pure a dimenticarmi dell’appuntamento con il dentista e di fare i compiti di giapponese avendo la testa da tutt’altra parte lol.

Cavolate a parte, l’hype per Pokémon è ai massimi livelli e la mia copia di Zaffiro è già prenotata da mesi…sbrigati ad uscire! *sob*

Quando uscirà ho deciso di imparare a lottare in doppio, agli eventi StreetPass di Genova ormai giochiamo solo a questo formato ed io avendo una squadra per il singolo tendo a perdere miseramente fra frane e spam di solarraggi, una tristezza infinita.

A proposito di StreetPass, questa volta c’era un bellissimo e nostalgico angolo per il GameCube che merita di essere postato:

Oltre al torneo di Pokémon ho partecipato anche a quello di Smash, per esser stato il mio primo non è andato malissimo ma devo assolutamente esercitarmi di più, ne avessi solo il tempo…

Wani ha fatto incetta di premi fra Mario Kart 8\ Smash e Marco a Pokémon ma osservando i loro sacchetti non so se sia una mia impressione o cosa, ma non mandano più le stesse cosa carine di un tempo…se ripenso all’artbook di Fire Emblem ed alle cuffie che vinsi piango visto che ora sono tutti portachiavi, adesivi e palloncini WTF.

Tralasciando i discorsi materialisti, è comunque una bella occasione per giocare e stare tutti assieme, non vedo già l’ora che sia il prossimo raduno!

Un altro gioco protagonista del week-end è stato “Diablo 3” giocato in quattro persone è divertentissimo, ecco qui la nostra allegra truppa:

Il mio mago Belin(o) parodia di Merlino, la barbara Pappedda di Wani, Egua di Marco e lo sciamano mezzo nudo di Tommaso. Se non conoscete il sardo ed il genovese non capirete mai cosa significano questi nomi ed è meglio così *cough cough*

Mi mancano già tantissimo queste giornate spensierate, la colazione a letto, le crepes e soprattutto…la delicatezza e la grazia di Pappedda!