Real Life

ふっかつさい…vedo le uova di Pasqua.

E’ incredibile ma siamo già alle soglie di aprile! Per le vacanze di Pasqua quali giochi diletteranno le vostre giornate? In ogni caso spero che passerete delle belle vacanze.

Per quanto mi riguarda, in quei giorni studierò disperatamente giapponese come al mio solito e mi preparerò per lo Smack di aprile a fine mese. A proposito, chi ci sarà a questa fiera? Io sono ancora indecisa se fare una o due giornate…

Non ho molto da raccontare perciò vi lascio con alcune foto dell’ultimo Streetpass di marzo.

10325713_10205121795718105_943500059884316673_n

Ora ho una maschera di Majora tutta per me <3

11077630_10206414394421300_3397093924182974548_o

Raduno Streetpass irlandese LOL.

Il mio gruppetto di amici è folto più che mai, ora ci fermiamo anche alla sera per cenare tutti assieme.

Se penso a quante volte mi sono sentita anormale ad Arezzo per le mie passioni videoludiche e quanto invece mi trovi a mio agio qui mi viene da piangere.

Cronache Videoludiche · Real Life

Come rimorchiare con Monster Hunter 4: Ultimate

I miei post ultimamente sono stati molto brevi ma oggi ho finalmente qualcosa da raccontare.

Con l’uscita di Monster Hunter 4: Ultimate la mia vita sociale si è rallegrata un po’ ed ora ogni martedì con un discreto numero di cacciatori ci ritroviamo per giocare in un negozio della zona.

Posso dirvi che mi sono molto appassionata al gioco, fra gli adorabili Felyne e la soddisfazione di buttare giù mostri enormi sono passate 40 ore di gioco come niente.

Ho dovuto momentaneamente rinunciare a malincuore a Majora’s Mask per Monster Hunter 4 ma al momento è stata la scelta migliore perché non avrei potuto allontanare la mia solitudine se non fossi andata a caccia di Jaggi.

B_aIy1pWEAA5Cjz

In mezzo a cose belle però accadono cose anche “brutte”. Ve la racconto perché queste storie pseudo sentimentali solitamente suscitano interesse e magari per il mio compleanno potete regalarmi dell’acqua santa(?).

Continua a leggere “Come rimorchiare con Monster Hunter 4: Ultimate”

Cronache Videoludiche · Real Life

Grandpa – Tradurre un videogioco e le sue 1000 difficoltà –

Qualche settimana fa sono stata impegnata in un progetto del LocJAM, una sorta di concorso dove i candidati si cimentano a tradurre un videogioco. La migliore traduzione vince e c’è anche la possibilità di esser chiamati per lavorare in qualche azienda del settore(!).

Premesso che ho partecipato per fare esperienza e testare le mie capacità, è stato un lavoro abbastanza impegnativo che mi ha insegnato molte cose.

Localizzare un videogioco non è semplice, ho passato tre giorni a tradurre, a ricontrollare che non ci fossero problemi con il codice ed a cercare di dare un senso al tutto perché certe espressioni inglesi non erano traducibili letteralmente in italiano come ad esempio un “laugh your pants off”.

Immagine

Grandpa

Se vi va potete provare questo breve indie, è la storia di un nonno e della sua nipotina e… ve lo consiglio perché è molto particolare ehehehe!

Avendo avuto solo 6 giorni prima della scadenza del concorso ho fatto il possibile per tradurlo bene, se trovate qualche errore perdonatemi.
Il gioco in questione vi porterà via solo 15 minuti di tempo essendo una sorta di visual novel, se dovesse capitarvi di bloccarvi ovviamente sono pronta a darvi una mano <3.

NOTA IMPORTANTE: Sarà possibile giocare a Grandpa solo fino a fine maggio prima dell’uscita dei risultati del concorso.