Anime Trash

Uta no Dementi Sama: la vendetta al 2000%

 photo 544374_10201075606517194_491344299_n_zps178282bc.jpgLe Pretty Cures si ritengano offese

Con la primavera sono tornati, non sono sopravvissuta a più di 10 minuti di episodio e non ho assolutamente intenzione di continuare la serie.

Il punto è che mi chiedo come possano vendere così tanto a discapito di anime e visual novels meritevoli.

E’ desolante sapere che  esista un pubblico che spende per comprare un prodotto con improbabili idols, ancora più desolante sapere che è l’utenza femminile a finanziarli.

E’ un ingiustizia e purtroppo non succede solo nel campo dell’animazione, per non parlare che è un fenomeno che esiste da sempre.

Per la cronaca e per concludere il post, in 10 minuti sono accadute le seguenti scene:

– Idols acrobati che hanno appena imparato la MN Volo, nel frattempo ancheggiano in mezzo alle urla di tizie invasate.

– L’intero gruppo versione nudista che domina il mondo, se non l’intero universo, intorno ad un pianoforte.

– “Mi ha sfiorato la mano per prendere un foglio, che emozione!”

– Un gatto si è trasformato in un idol egiziano(?)

– “Prendi questi fiori bella agnellina!” …come si può scrivere frasi del genere e non finire in galera?

Anime · Anime Trash · Blog

My Anime List

Photobucket

http://myanimelist.net/profile/RozenNeige

Fra il nick e l’avatar ho lasciato tutto come 4 anni fa

Vorrei dire “mi sono iscritta a MAL!”, in realtà ho solo rispolverato il mio account del 2009 (…ed io che credevo che me lo avessero addirittura cancellato!).

Come ho sempre detto, quando ho del tempo libero preferisco investirlo nei videogiochi quindi ho fin troppe lacune da colmare ed una lista di anime e manga droppati abbastanza importante, fra trashate ed opere interessanti ma che non hanno trovato il tempo di esser finite.

Non ho aggiornato i manga perchè già ricordarmi tutto ciò che ho visto negli ultimi 15 anni mi ha impegnato diverso tempo e sono certa di essermi dimenticata qualcosa, dopo tutto ancora oggi mi capita con Backloggery ed a distanza di anni.

Nota a parte, la prossima settimana ci sarà anche il “famoso” Arezzo Comics a cui credevo non sarei andata, parteciperò in borghese perchè i miei cosplay sono già imballati ma due righe le butterò giù come da tradizione.

Anime · Anime Trash

Anime Parade -Dicembre-

Quanti mesi ho da recuperare…3?

Mi dispiace se ho tardato a scrivere questo post, non riuscirò a coprire tutte le serie che ho seguito in questi mesi ma ci provo a citarne alcune, non per importanza o gradimento ma partendo dalle ultime che ho visionato *gomen*.

Mawaru Penguindrum

Photobucket
*scena random*

Ringrazio chi mi ha incoraggiata a portarlo avanti perchè mi sarei persa un’ottimo anime.
Dai primi episodi, non mi sarei aspettata una trama così intricata e profonda, arrivavo sempre a fine puntata e correvo a caricarne un’altra per sapere cosa succedeva dopo.
Lo promuovo a pieni voti e lo consiglio a tutti!

Boku wa tomodachi ga sukunai

Photobucket quella vestita da cameriera è un ragazzo #sapevatelo

Questo anime riguarda “gente che non riesce a fare amicizia“.
Basta guardare l’opening e potete capire perchè siano degli emarginati, tette e culi ovunque…?
Fra l’altro, il protagonista più che un club forma un harem, alla faccia dell’anime sull’amicizia.
L’ho droppato dopo 10 minuti, a suon di “ahhh mi sento tanto sola ma guardatemi sono in costume da bagno!” *messaggio subliminale*

Kimi ni todoke:

Photobucket sì, assomiglia a Sadako di The Ring.

Gli shoujo non sono il mio genere ma questo evitando tonnellate di zucchero e cavolate varie (mi hai sfiorato la mano awwww! ), si è fatto guardare per circa 5 puntate per poi essere bocciato alla grande scusami Raya.

La storia è abbastanza irrealistica, vorrei ancora capire come possa nascere dell’interesse reciproco(!) dando un’indicazione stradale o come sia possibile ri-ri-ri-riproporre lo stereotipo della “sfigata” che viene notata dal tipico ragazzo popolare con le sue 3000 fans dietro.
Diciamo anche che Kazehaya ,è un po’ troppo perfetto per esser credibile tanto che se gli piacessero i videogiochi ed avesse i capelli lunghi mi iscriverei anch’io al suo fan club.

Ciò che ho inizialmente apprezzato, sono stati i sentimenti positivi, la premessa e la protagonista Sawako “una ragazza che ha messo un muro fra lei e gli altri, sembra irraggiungibile, di fatto è solo molto riservata”.
Peccato che alla lunga, la protagonista risulti spesso troppo riflessiva, problemi che avrebbe potuto risolvere in una puntata, protratti per mezza serie fra lacrime e crisi depressive ( es: storia dei pettegolezzi).
Uno dei pochi “punti” che salvo, è l’idea che Sawako parta ammirando Kazehaya ma di fatto desidera ed è felice anche solo di essergli amica, non è deviata dall’ormone traditore tipico di anime come…uta no dementi? *sono idols bellocci uèèè*.

Leggendomi un riassunto dettagliato, ho scoperto con orrore che dopo 25 puntate succederà qualcosa di scandaloso: lei inciampa e lui le prende la mano sarà mica rimasta incinta?
Io dovrei stare zitta perchè sono timida, ingenua e regina del “…mi ha detto che gli piaccio ma sicuramente intendeva come amica!” e del “una ragazza attende pazientemente e non si sbilancia *sorseggia thè e mette vestito del 800*”e tutto questo nonostante sia stata impegnata per anni, però la situazione fra Sawako e Kazehaya è così palese fin dal primo episodio da risultare veramente “pesante”, anche una demente come la sottoscritta avrebbe fatto 2+2 (forse).

Come definirei in una parola “Kimi ni Todoke”? infantile.

Anime Trash · Cronache Videoludiche

Adolescenza buggata

In passato avevo già parlato di “Little Busters!” ( Visual Novel della Key ) ma con l’uscita dell’anime, oggi ho un’altra occasione per scriverne a riguardo.

Photobucket

moe, moe kyun! *argh*

Ho concluso la visione del primo episodio con molta soddisfazione perchè essendo fedele al videogioco, si è riaccesa in me la speranza che finalmente verrà abbattuto il mito secondo cui “Little Busters!” è una sorta di Capolavoro incentrato sul passaggio dall’adolescenza all’età adulta.

Non so che adolescenza abbia vissuto chiunque l’abbia etichettato con tali altisonanti parole ma io ricordo la mia fatta di: scuola, dubbi sul futuro, ricerca\ accettazione di me stessa, sentimenti contrastanti ed ho solo accennato ad una MINIMA parte di ciò che tutti, ognuno a suo modo ovviamente, attraversa.

In Little Busters cosa abbiamo? 17enni con turbe mentali da troppo succo di frutta che decidono di giocare a baseball senza saperne il motivo per poi rivelare, dopo averlo rigiocato ben 6 VOLTE, “c’è stato un incidente sul bus della gita scolastica, tutto ciò che vedi non è reale, siamo mortihhh!” *trollface*.

Ovviamente nel finale si sono salvati tutti ma ciò non giustificherà mai la sopportazione di 50 ore divise fra un orrendo mini gioco buggatissimo aka allenamenti di baseball e dialoghi senza senso come:

Photobucket“Wafu? wafu? wafu?..WAFUUU!”

Mi ha strappato un sorriso la prima volta ma 30 ore di “wafu”, sono in grado di toglierti la voglia di vivere.

Detto questo, mi sembra ovvio che non guarderò l’anime ma leggerò volentieri le recensioni che usciranno a riguardo.

Anime Trash

Uta no☆Dementi sama

Questo post lo dedico all’Aki, compagna di (dis)avventure Tokimekiane e Chiharu stalker americano dal nome giapponese, dov’è l’Habataki station? penpal che mi ha suggerito di “recensire” questo capolavoro dell’animazione giapponese.

Citando l’opening:

1, Are you Ready? 2, Are you Ready? 3, I’m Ready di dubitare dell’eterosessualità di tutti, cos’è quella UNA GONNA? perchè siete più depilati di me e perchè avete copiato i colori dei Power Rangers?

Photobucket
Posso optare per una tazza di cicuta?

No, ho promesso all’Aki che devo riuscire a guardare questa cosa ma sto già morendo dal ridere, non ce la faccio, datemi un respiratore, una flebo di Prozac, qualcosa che mi aiuti a sopravvivere a 13 episodi di balletti e canzoncine.

Una settimana dopo.

Questo anime mi ha sempre spaventata, terrorizzata e provocato convulsioni solo nominandolo ma “Quest’oggi combattiamo!” [cit.] … quindi prendiamo il coraggio a due mani e continuiamo la visione di questa “cosa”.

L’inizio è particolarmente originale, non avevo mai visto un’aliena aspirante compositrice\idol con problemi burocritici riguardanti 30 minuti di ritardo per il test d’ammissione all’uni.

Photobucket

Ah no, la protagonista ha solo occhi gialli e senza vita ed è umanissima ed ameba come tutte le MC degli otome, per continuare lo stereotipo, viene salvata da due bellocci (?) che la stalkeravano ” è in ritardo perchè aiutava una bimbaaa, avete visto quanto è gentile, dolce e bellaaa?” se lo dicono loro allora è ammessa al test e lo passa pure!.

Qui abbiamo un salto temporale, il preside inaugura il nuovo anno scolastico mettendosi delle piume di pavone in testa e sculettando, ora capisco dove abbiano preso l’idea delle gonne.

La presentazione dei nuovi compagni di classe è ridicola, la protagonista è affiancata da un’amica indubbiamente più bella e carismatica di lei ma quest’ultima viene ignorata, tutte le attenzioni sono per Nanami perchè è Nanami.

Le presentazioni vanno per le lunghe quindi citerò solo il tizio che scambia la protagonista per un cane correndo ad abbracciarla in un turbine rosa, meno uso di droghe, no eh?

Photobucket

…ma che ragazza carina! Aspettate di sentire la sua voce e scoprirete che è un uomo. Tutti gli uomini qui in realtà sono donne?

Photobucket
Anche l’amica di Nanami fa uso di droghe

A fine giornata, scopriamo l’oscuro passato di Nanami: ” ‘na volta ho avuto una crisi ipoglicemica ma ascoltando una canzone mi è passata e mi sono innamorata del truzzetto che la cantava!

( Secondo me il suo corpo si è ripreso per fuggire dall’ascolto di tale abominio musicale ma non glielo dite )

Ed ecco spiegate le profondissime motivazioni che l’hanno spinta ad iscriversi a questa scuola e la gigantografia del truzzo in questione che discorre aggiungendo un “nya” ogni volta che conclude una frase.

Concludiamo la puntata, è risaputo che i gatti rubano fazzoletti e te li mollano vicino ai cespugli da cui a notte fonda spunta uno stupratore seriale? ma no! L’ennesimo stupido principe che si atteggia a figo, ovvio.

Grazie a Martel, l’episodio è finito, andate in pace.

Anime · Anime Trash

Anime Parade -Settembre-

L’anime Parade di questo mese sarà brevissima perchè c’è stata di mezzo la prima serie del Trono di Spade e diversi film che volevo recuperare, gomen ne.

Ovviamente per la gioia di tutti, inizio sempre dal peggiore.

Hakuouki Shinsengumi Kitan

Photobucket
Sì, Chizuru è preoccupante sapere che sarai l’unica a sopravvivere.

In realtà avevo iniziato la serie mesi fa e l’avevo interrotta per noia, poi mi sono ricordata che in questo anime muore il 98% del cast e mi è tornata voglia di finirlo.

La trasposizione è fedele al videogioco peccato segua la route di Hijikata che personalmente non ho mai sopportato: questo tizio non è tsundere, ha proprio un palo nel didietro.

Hanno cercato in tutti i modi di farlo sembrare più simpatico, nel videogioco c’era una scena in cui aggrediva la protagonista da ubriaco e l’hanno tolta, un’altra in cui se la prendeva con un NPC solo perchè aveva le palle girate, altre in cui ” Chizuru…renditi utile: VA IN CUCINA” ovviamente ora di tutto ciò non c’è traccia.

Alla fine comunque, Hijikata muore e Chizuru continua la sua inutile esistenza, bel finale.

Kara no Kyoukai

Photobucket

Non posso dargli ancora un giudizio perchè non ho finito di vedere tutti e 8 i film.  Sono arrivata al terzo e non ho capito molto della trama però mi intriga, quindi per ora mi godo il sangue le animazioni e le scene d’azione.

Ringrazio ancora una volta Judas per avermelo consigliato, fra l’altro lo seguo in contemporanea con un’amica e pure lei lo sta apprezzando.

Mawaru Penguindrum

Photobucket
Adoro questa versione di “Himari”

Direttamente da Rai 4. Sono abbastanza indecisa perchè ho il terrore che finirà nel random più totale ma guarderò altre puntate prima di decidere se dropparlo o meno.

Anime · Anime Trash

Anime Parade -Agosto-

Non seguo molti anime ma ho deciso di inaugurare ( finalmente! ) una sezione a parte, cercherò di aggiornarla, spero, almeno una volta al mese.

Partiamo dagli anime trash:

Acchi Kocchi

 Photobucket

Se sopravvivete a 5 minuti di questa roba, siete già degli eroi.

Non mi sarei mai avvicinata alla visione di questo anime se R. non me lo avesse suggerito “dai, guardalo! I due protagonisti sembriamo io ed il mio ragazzooo!”
Mi auguro stesse scherzando perchè ciò che ho visto è stata una nana con le orecchie da gatto ed uno spilungone occhialuto circondati da un gruppo di amici\stalkers che urlano continuamente “KAWAIIII” perchè lo scopo della loro vita è osservare questi due mentre sono “robu robu” (?).

Tra l’altro il susseguirsi delle scene è lentissimo, 10 minuti per vedere lei che si annoia mentre attende lui, altri 10 per fare una foto, gli ultimi 5 di dialogo fra gli stalkers “…ma quanto sono KAWAIIII!”.

Se volete esser coraggiosi, ascoltate l’opening perchè è la cosa più disturbante di sempre.

(Notare la profondità del testo: yeahhh, yeahhh DADADADA!  )

In breve: ACCHIdenti!

La Storia dell’Arcana Famiglia

 
Photobucket

Totale assenza di stereotipi: Italiani mafiosi e lasagne in ogni episodio.

Molti lo hanno droppato alla seconda puntata, io sono arrivata alla settima per amore dell’itaGLIano.

Da “razanie” a “bambina”, un totale trauma e non è perchè è “tratto da un videogioco” sono proprio i personaggi a far acqua ( fra l’altro, come si può inserire un pelatone tamarro di 50 anni come possibile love interest di una 16enne ?  )

Bonus pic:

 

Photobucket

 

Sayonara Zetsubou Sensei!

 
Sayonara_Zetsubou_Sensei_Wall__by_DiamShadowWraith

 

Rating: 7.5\10

Ho abbassato il voto perchè non tutte le scene erano divertenti mentre altre erano un po’ ripetitive.

Non è un anime per tutti visti i continui riferimenti alla cultura giapponese senza contare che certe scelte stilistiche sono molto azzardate per non dire uniche aka la valutazione è al 90% soggettiva.