Anime · Neige Consiglia

Neige’s Bizarre Adventure

Una delle poche cose “positive” del lockdown è stata la possibilità di recuperare alcuni anime lasciati nel limbo del “…prima o poi lo recupero”.

Non so quale magia mi abbia portato a sfogliare il catalogo di Netflix e scegliere proprio QUELLA SERIE tra le tante che ho in arretrato, ma ora posso finalmente dire di avere colmato una gravissima lacuna: JOJO.

Chi non ha mai sentito parlare di Jojo’s Bizarre Adventure? Tra un meme e l’altro è impossibile non conoscere le pose assurde dei personaggi, WRYYYYY e ORAORAORAORA!
Non pensavo di entrare nel JoJo hell solamente guardando le serie animate, pensare che nel lontano 2013 avevo presenziato alla conferenza stampa di JoJo’s Bizarre Adventure: All Stars Battle senza sapere nulla di nulla sulla serie.

Mi feci fare l’autografo e una foto assieme a Hiroshi Matsuyama (presidente di CyberConnect2) e fu veramente una bellissima esperienza. Matsuyama ha tutta la mia stima, si presentò vestito da Rohan e fu molto giocoso e amichevole con tutti…un grande insomma!

Mi dispiace per la qualità, al tempo avevo una macchina fotografica pessima.

Comprai anche il gioco alla Games Week. Lo giocai tutto senza aver mai letto il manga e riuscì comunque ad adorarlo nonostante ciò.
Mi dispiace che il più recente Jojo’s Bizarre Adventure: Eyes of Heaven non abbia raggiunto l’epicità del predecessore, non fraintendetemi, quest’ultimo non è un brutto gioco ma a livello di gameplay è veramente legnoso. L’ho trovato un esperimento mezzo riuscito, i personaggi e le atmosfere del mondo di Araki sono state colte appieno, peccato che a livello di giocabilità non ci siamo proprio.
Se non lo avete ancora giocato, vi consiglio JoJo’s Bizarre Adventure: All Stars Battle prima di Jojo’s Bizarre Adventure: Eyes of Heaven. Non ve ne pentirete.

Questo però non è articolo per recensire dei videogiochi, alla fine da ex redattrice finisco sempre per perdermi in recensioni ahaha…

Come in una bizzarra avventura ho conosciuto prima il videogioco (…e io in realtà ero a quella conferenza per Hideo Baba di Tales of) e ci sono arrivata ben 7 anni dopo a guardare l’anime “grazie” a un maledetto virus che ci ha sigillati in casa…assurdo!

Quali sono i miei personaggi preferiti della serie?

  1. Ho un debole per i personaggi malvagi e i vampiri quindi 1+1= DIO BRANDO.

2) Giorno Giovanna e (Mamma) Bruno Bucciarati.

Non in senso “ship”, non sono una fujoshi quindi non sto cercando di vedere gay ovunque. Semplicemente, non so scegliere. Mi piacciono entrambi i personaggi. Giorno è figlio di DIO e a soli quindici anni è diventato capo di Passione (a quell’età Dio stava a contendersi la fidanzatina con Jonathan *cough*). Avrei voluto vedere Giorno scavare nel suo passato ma Araki ha evitato di approfondire questo tema.

Bruno ha il caschetto e il look più stiloso di tutti. Ho apprezzato la sua leadership e l’istinto materno ahahaha…scherzi a parte, per me è il best JoJo Bro.

3) Rohan Kishibe

Heaven’s Door è un potere fighissimo! Adoro la sua arroganza perché sa benissimo di potersela permettere, è solo un po’ meno affascinante quando si mette a leccare insetti….

L’episodio in cui gioca d’azzardo con Josuke mi ha fatto piegare in due dal ridere, uno dei migliori episodi di sempre.

Siete ancora qui e non avete ancora recuperato JoJo’s Bizarre Adventure? Fidatevi di Neige e se dopo averlo visto non vi è piaciuto vi riempo di ororaoraora!

Anime

L’angolo del Gomblotto: Danganronpa Edition.

Danganronpa 3: The end of Hope’s Peak Academy -Zetsubou Hen- è un anime prequel degli avvenimenti di Danganronpa 2.
Guardando anche solo l’opening mi sono messa le mani fra i capelli perché chiunque l’abbia ideata è uno spoileratore professionista, per me merita un premio per la sadicità.

m8fta3
L’ANGOLO DEL GOMBLOTTO

Se non volete spoilers sulla serie Danganronpa ovviamente non leggete.
Continua a leggere “L’angolo del Gomblotto: Danganronpa Edition.”

Anime

Ore no Monogatari!

Tanto per prendere in giro la pubblicità brutta del gelato, c’è chi vive una lunga estate italiana fatta di grilli nella mano (dobbiamo pensare male?) e di feste da Paolino (in 20 sul motorino) e universitari che invece vivono l’estate sui libri *alza la mano*.


tumblr_nqhjwxCxDY1s13tjpo4_1280
Eccomi alle prese con gli esami

Ma perché sto scrivendo degli esami? Parliamo in poche righe di Ore Monogatari! 

tumblr_npe0m4E4iG1rfmdfoo1_540
Solitamente non mi piacciono le storie romantiche ma questa è molto particolare. E’ la love story fra un tipo che sembra un gorilla e una ragazza ultra moe moe kyun(!).

In breve questo anime non annoia mai perché è comico, originale ed offre ottimi spunti su come gestire sia le relazioni di amicizia che quelle sentimentali le quali hanno uguale importanza.
Se tutte le persone fossero come i personaggi di questo anime sarebbe un mondo migliore, basterebbe solo avere un pizzico di considerazione in più per gli altri.

Alle 3 di notte continuo a soffrire di insonnia, sapevatelo.

Anime

Anime Parade -Novembre-

Non ho il coraggio di leggere da quanto non aggiorno i posts sugli anime, ma ieri vedendo “Wolf Children” mi è venuta voglia di fare una lista delle migliori opere che ho visto in questi ultimi mesi.

Non ho pianto, ma quasi. E’ la storia dolce amara di una ragazza (Hana) che si trova ad allevare da sola i suoi figli (Yuki ed Ame).

La particolarità della vicenda è che i due bambini sono stati concepiti da Hana con un licantropo che ha conosciuto all’università (DON’T ASK, ma è probabile che girino pure per le vostre facoltà).

Hana è così fortunata, che un giorno vede il cadavere di un lupo dentro un torrente con tanto di spazzini che lo buttano in un sacco di plastica davanti a lei ed ai suoi figli, è una scena tremenda visto che è facile capire chi sia realmente il lupo.

La poveretta fugge in campagna ed alleva i suoi figli fra mille difficoltà economiche e legate alla natura lupesca dei due.

Il lieto fine c’è, ma rimane comunque una storia molto triste.

Concludendo, non è il genere di film che amo, ma indubbiamente è stato molto toccante e realizzato bene.

Shingeki no Kyojin

Ha bisogno di una presentazione? Lo adoro!

Voi siete le prede noi i cacciatori! *canticchia*. Pregare non servirà nananana…VENDO BIRRA! SONO KANATA! (Humm….l’ultima parte non faceva così?)

Tiger&Bunny

Giuro che pensavo fosse uno shounen ai per colpa delle fans, quando ho saputo la verità mi sono mangiata le mani di non averlo vista prima.

WataMote –No Matter How I Look at It, It’s You Guys’ Fault I’m Not Popular!-

La protagonista è grottesca, ridi delle sue disavventure per diventare popolare, ma quando vedi la poveretta senza amici e triste dei suoi insuccessi, capisci che sotto sotto WataMote è qualcosa di più.

Anime

Anime Parade -Febbraio-

Per l’Anime Parade di gennaio\febbraio ho limitato le trashate, in realtà avrei visto un’episodio di Amnesia ma era così soporifero che non sono riuscita a scriverci qualcosa di decente così a questo giro è tutto sotto la tag “anime”.

Mirai Nikki
Per metà serie credevo di avere di fronte un anime valido, sono arrivata all’ultima puntata decisamente delusa.

 photo Mirainikki01_zps6792f614.jpg

La premessa era abbastanza scontata “Survival Game, chi sopravvive diventa Dio”, ciò che lo ha reso interessante ai miei occhi invece sono stati i diari in grado di prevedere il futuro, il protagonista e la sua relazione con una stalker yandere ed i personaggi secondari che nonostante siano stati caratterizzati bene dal design al background, muoiono nel giro di poche puntate lasciando un senso di incompiutezza.

Ancora oggi dopo aver visto Yukki uccidere i suoi amici, perdere la sua famiglia in una escalation di tragedie, non capisco come abbiano potuto resettare il tutto con “c’è un’altra dimensione, lì sono tutti felici, nessuno è morto!”.

Si sfiora il trash quando Murumuru e Ninth combattono volando, sembrava una puntata di Dragon Ball e poi diciamolo, una nana viola non è esattamente l’antagonista che ti aspettavi.

Potrei continuare ancora dal “inventiamo nuove regole del Survival Game per salvare il protagonista al momento del bisogno” passando a come si evolve la faccenda Yukki\Yuno.

Ecco, Yukki\Yuno viene imposta come “OTP”, non importa se Yukki dopo esser stato torturato ed imprigionato da Yuno l’ha mandata a fanculo meditando anche di ucciderla, nel giro di due puntate il sunto ridiventa “Yuno, sei una psicopatica ma non posso vivere senza di te <3”, anche nell’ultima puntata Yukki verrà inseguito da questa armata di mannaia ma indubbiamente si amano, contenti loro.

Hellsing Ultimate

 photo hellsing_ultimate_1_zps9c0a0932.jpg

Lo scorso dicembre è uscito l’ultimo OAV. Ho preferito gli ultimi episodi se devo esser sincera.

In generale lato tecnico a parte (ottimo), l’ho apprezzato sia a livello di personaggi che di trama, spesso mi aspettavo che succedessero determinati eventi ed invece mi ritrovavo con tutt’altri risvolti.

E’ un anime che mi è stato suggerito da una persona che tende sempre a darmi ottimi consigli, anche questa volta ci ha azzeccato in pieno perciò colgo l’occasione per ringraziarla ancora una volta.

La ragazza che saltava nel tempo

 photo makoto_zps5debea46.jpg

L’ho recuperato con anni di ritardo, ho trovato abbastanza lenti i primi 20 minuti per poi ricredermi totalmente.

Mi è piaciuto davvero molto e quel “time waits for no one“, dovrei tenerlo più spesso a mente *crisi*.

Anime · Anime Trash · Blog

My Anime List

Photobucket

http://myanimelist.net/profile/RozenNeige

Fra il nick e l’avatar ho lasciato tutto come 4 anni fa

Vorrei dire “mi sono iscritta a MAL!”, in realtà ho solo rispolverato il mio account del 2009 (…ed io che credevo che me lo avessero addirittura cancellato!).

Come ho sempre detto, quando ho del tempo libero preferisco investirlo nei videogiochi quindi ho fin troppe lacune da colmare ed una lista di anime e manga droppati abbastanza importante, fra trashate ed opere interessanti ma che non hanno trovato il tempo di esser finite.

Non ho aggiornato i manga perchè già ricordarmi tutto ciò che ho visto negli ultimi 15 anni mi ha impegnato diverso tempo e sono certa di essermi dimenticata qualcosa, dopo tutto ancora oggi mi capita con Backloggery ed a distanza di anni.

Nota a parte, la prossima settimana ci sarà anche il “famoso” Arezzo Comics a cui credevo non sarei andata, parteciperò in borghese perchè i miei cosplay sono già imballati ma due righe le butterò giù come da tradizione.

Anime · Anime Trash

Anime Parade -Dicembre-

Quanti mesi ho da recuperare…3?

Mi dispiace se ho tardato a scrivere questo post, non riuscirò a coprire tutte le serie che ho seguito in questi mesi ma ci provo a citarne alcune, non per importanza o gradimento ma partendo dalle ultime che ho visionato *gomen*.

Mawaru Penguindrum

Photobucket
*scena random*

Ringrazio chi mi ha incoraggiata a portarlo avanti perchè mi sarei persa un’ottimo anime.
Dai primi episodi, non mi sarei aspettata una trama così intricata e profonda, arrivavo sempre a fine puntata e correvo a caricarne un’altra per sapere cosa succedeva dopo.
Lo promuovo a pieni voti e lo consiglio a tutti!

Boku wa tomodachi ga sukunai

Photobucket quella vestita da cameriera è un ragazzo #sapevatelo

Questo anime riguarda “gente che non riesce a fare amicizia“.
Basta guardare l’opening e potete capire perchè siano degli emarginati, tette e culi ovunque…?
Fra l’altro, il protagonista più che un club forma un harem, alla faccia dell’anime sull’amicizia.
L’ho droppato dopo 10 minuti, a suon di “ahhh mi sento tanto sola ma guardatemi sono in costume da bagno!” *messaggio subliminale*

Kimi ni todoke:

Photobucket sì, assomiglia a Sadako di The Ring.

Gli shoujo non sono il mio genere ma questo evitando tonnellate di zucchero e cavolate varie (mi hai sfiorato la mano awwww! ), si è fatto guardare per circa 5 puntate per poi essere bocciato alla grande scusami Raya.

La storia è abbastanza irrealistica, vorrei ancora capire come possa nascere dell’interesse reciproco(!) dando un’indicazione stradale o come sia possibile ri-ri-ri-riproporre lo stereotipo della “sfigata” che viene notata dal tipico ragazzo popolare con le sue 3000 fans dietro.
Diciamo anche che Kazehaya ,è un po’ troppo perfetto per esser credibile tanto che se gli piacessero i videogiochi ed avesse i capelli lunghi mi iscriverei anch’io al suo fan club.

Ciò che ho inizialmente apprezzato, sono stati i sentimenti positivi, la premessa e la protagonista Sawako “una ragazza che ha messo un muro fra lei e gli altri, sembra irraggiungibile, di fatto è solo molto riservata”.
Peccato che alla lunga, la protagonista risulti spesso troppo riflessiva, problemi che avrebbe potuto risolvere in una puntata, protratti per mezza serie fra lacrime e crisi depressive ( es: storia dei pettegolezzi).
Uno dei pochi “punti” che salvo, è l’idea che Sawako parta ammirando Kazehaya ma di fatto desidera ed è felice anche solo di essergli amica, non è deviata dall’ormone traditore tipico di anime come…uta no dementi? *sono idols bellocci uèèè*.

Leggendomi un riassunto dettagliato, ho scoperto con orrore che dopo 25 puntate succederà qualcosa di scandaloso: lei inciampa e lui le prende la mano sarà mica rimasta incinta?
Io dovrei stare zitta perchè sono timida, ingenua e regina del “…mi ha detto che gli piaccio ma sicuramente intendeva come amica!” e del “una ragazza attende pazientemente e non si sbilancia *sorseggia thè e mette vestito del 800*”e tutto questo nonostante sia stata impegnata per anni, però la situazione fra Sawako e Kazehaya è così palese fin dal primo episodio da risultare veramente “pesante”, anche una demente come la sottoscritta avrebbe fatto 2+2 (forse).

Come definirei in una parola “Kimi ni Todoke”? infantile.

Anime

Tales of Symphonia: The United World ep.finale

Tanti attendevano questo momento, tanti sono stati i timori di quanto potesse esser stravolto il finale rispetto all’originale ed innumerevoli sono state le critiche e le aspettative di tutti i fans di Tales of Symphonia in 6 interminabili anni.

Prima di iniziare, vorrei dire che se ho scritto il post con un mese di ritardo ringrazio i seguenti eventi:

– la raw a distanza di 10 giorni era introvabile, nel forum internazionale la gente dava segni di squilibrio…più del solito.
– è uscita quando ero appena per partita per il Lucca Comics *trollface*.
– la scheda video del mio computer è andata a farsi fottere a metà episodio, non riuscivo a crederci, non poteva implodere quando mi coprivo gli occhi guardavo Uta no☆Dementi sama e risparmiarmi la virilità dei tizi con lo smalto?

Non mi perderò ulteriormente, iniziamo l’episodio.

La prima parte è solo un “sono Yggdrasill, nanana can’t touch me?” *ehhr* …e poi viene colpito da “Grand Cross” di Colette, COLETTE il personaggio definito più: debole,scarso, inutile e pezzente di tutto il gioco, personalmente non la penso così ma haters gonna hate? *massima soddisfazione*.

Non si capisce come dopo questo attacco, Regal abbia potuto giocare a rimbalzello con Yggdrasill, la sua sconfitta è stata così imbarazzante che più che programmare la “nuova era dei mezz’elfi” avrebbe dovuto pensare ad aprire un McDonald.

Photobucket 4000 anni di battaglie per poi essere preso a calci rotanti da Regal (…)

Molto gradito l’inedito duello fra Mithos e Lloyd, tutti nel gioco descrivevano il primo come abilissimo spadaccino ma di fatto in nessuna battaglia lo avevamo visto impugnare una spada, l’anime ha colmato questa IMMENSA contraddizione.

Ricorderei anche che nel gioco l’ultimo boss era un robottone random con dentro Mithos aka “**** è sto’ coso?”, quindi sottolineo ancora una volta quanto sia stata azzeccata la scelta del confronto con le spade.

Mi è dispiaciuto non vedere Lloyd con le ali, in versione anime avrebbe fatto il suo effetto ed non era neanche impossibile da realizzare come scena, valli a capire quelli della Ufo Table.

Photobucket Sono apparsa a random ma non fateci caso.

Non so come abbiano avuto il coraggio di proporre TABATHA, in tutta la serie non è stata presente, pensare che nella versione videoludica era un personaggio fondamentale, a questo punto era meglio non inserirla.

Si sono “ripresi” all’ultimo anche per il duello fra Lloyd e Kratos, quello del gioco continua a rimanere il migliore, la versione animata è fin troppo forzata ed ho riso al “Falcon Punch” mancato di Lloyd spacciato per una tecnica segreta dei nani ?!?

Solo nell’anime potevano inserire l’abbraccio fra padre e figlio, un po’ out of character però ricordo quanto rimasi male nel vg quando i due si dissero addio stando tipo a 6 metri di distanza l’un dall’altro tanto che rividi una seconda volta la scena pensando di avere le allucinazioni.

Photobucket l’unica gag presente nell’episodio

La parte finale con Lloyd, Colette, Zelos e Sheena in partenza non è inventata, dovrebbe riprendere il drama cd “Rodeo Ride Tour” se non ricordo male.

Cosa dire? Tante, troppe scene tagliate, un finale veramente rushato, mi aspettavo di più se devo essere sincera. L’impegno c’è stato ma quei 30 minuti tiranni non bastavano proprio ed avrebbero dovuto prevederlo.
Chiudo qui un po’ amareggiata.

Anime · Fiere

Madoka Magica: l’inizio

L’avevo promesso ed ecco il post dedicato al film di Madoka Magica.

Come era stato annunciato, il primo film non è altro che un riassunto della storia già vista nell’anime.

Merita? è questa la domanda da porsi. Personalmente lo consiglio solo a chi non ha visto l’anime ed ai fans sfegatati perchè di fatto se avessi dovuto comprare il DVD o pagare il biglietto del cinema ne sarei uscita molto delusa.

Le scene inedite sono ben poche, le nuove tracce idem e non riesco a perdonargli quell’opening fatta di puro fanservice Madoka\Homura ( il resto del cast sembra non esistere!).

Photobucketa quando la data delle nozze?

L’attrattiva principale per me è stata l’averlo visto al Lucca Comics, è per questo che se potessi tornare indietro non mancherei comunque all’appuntamento.

E’ stato veramente fantastico ritrovarsi in mezzo a tanti appassionati di Madoka Magica, occasioni del genere quando ricapitano?

Mentre attendevo l’apertura del cinema, c’erano moltissimi cosplayers della serie per non parlare di quelle persone che si sono fermate a guardare\commentare la mia borsa di Kyuubey e di tutti quei scambi di opinioni che ci sono stati fra noi fans.

Photobucket
Ad inizio film c’è stata anche la sorpresa dell’intervista alle doppiatrici, davvero molto gradita.

Il secondo film ripartirà dalla “Notte di Walpurgis”, lo attenderò con particolare interesse sperando di vedere finalmente molte più scene inedite e non il solito “milking” a discapito dei fans.

Anime · Anime Trash

Anime Parade -Settembre-

L’anime Parade di questo mese sarà brevissima perchè c’è stata di mezzo la prima serie del Trono di Spade e diversi film che volevo recuperare, gomen ne.

Ovviamente per la gioia di tutti, inizio sempre dal peggiore.

Hakuouki Shinsengumi Kitan

Photobucket
Sì, Chizuru è preoccupante sapere che sarai l’unica a sopravvivere.

In realtà avevo iniziato la serie mesi fa e l’avevo interrotta per noia, poi mi sono ricordata che in questo anime muore il 98% del cast e mi è tornata voglia di finirlo.

La trasposizione è fedele al videogioco peccato segua la route di Hijikata che personalmente non ho mai sopportato: questo tizio non è tsundere, ha proprio un palo nel didietro.

Hanno cercato in tutti i modi di farlo sembrare più simpatico, nel videogioco c’era una scena in cui aggrediva la protagonista da ubriaco e l’hanno tolta, un’altra in cui se la prendeva con un NPC solo perchè aveva le palle girate, altre in cui ” Chizuru…renditi utile: VA IN CUCINA” ovviamente ora di tutto ciò non c’è traccia.

Alla fine comunque, Hijikata muore e Chizuru continua la sua inutile esistenza, bel finale.

Kara no Kyoukai

Photobucket

Non posso dargli ancora un giudizio perchè non ho finito di vedere tutti e 8 i film.  Sono arrivata al terzo e non ho capito molto della trama però mi intriga, quindi per ora mi godo il sangue le animazioni e le scene d’azione.

Ringrazio ancora una volta Judas per avermelo consigliato, fra l’altro lo seguo in contemporanea con un’amica e pure lei lo sta apprezzando.

Mawaru Penguindrum

Photobucket
Adoro questa versione di “Himari”

Direttamente da Rai 4. Sono abbastanza indecisa perchè ho il terrore che finirà nel random più totale ma guarderò altre puntate prima di decidere se dropparlo o meno.